Frutta e verdura a Natale: le 3 regole per una tavola davvero sostenibile

Le vacanze di Natale sono ormai alle porte e siamo tutti alle prese con l’organizzazione di pranzi e cene con amici e parenti. Stando ai dati diffusi dalla Coldiretti sui consumi di Natale, la tendenza al ribasso risulta essere invertita. La spesa fatta dagli italiani per i pranzi e le cene di Natale, infatti, è tornata a crescere. 2.35 miliardi di euro: è questo il bilancio per il Natale 2016. Ma come fare per rendere più sostenibili i festeggiamenti e le tavole di Natale? Ecco qualche informazione utile. Siete pronti a prendere appunti?

Per prima cosa, è fondamentale andare alla ricerca di frutta e verdura di stagione, biologica e, possibilmente, a chilometro zero. Ricordate che ogni alimento ha la sua stagione. Potremo gustare le fragole in primavera e in estate. Sulla tavola di Natale, invece, non devono assolutamente mancare cavolo, barbabietole, cardi, e broccoli. Volete sbizzarrirvi ai fornelli? Perché non preparare un saporito contorno o qualche buona zuppa? In alternativa, ai vostri ospiti potrete far assaggiare delle gustosissime torte salate a base di erbette e porro. Insomma, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Per quanto riguarda la frutta, non c’è alcun dubbio: a non poter mancare sulla tavola di Natale sono le mele, le pere e i gustosissimi cachi. Ovviamente, anche gli agrumi sono a dir poco imprescindibili. Arance, mandaranci, e mandarini, infatti, sono molto ricchi di Vitamina C e rappresentano dei validi alleati contro i malanni di stagione. In ultimo, come non menzionare la frutta secca? Grazie agli acidi grassi essenziali di cui è ricca, la frutta secca è un vero toccasana sia per il cuore che per il cervello. Via libera, dunque, a mandorle, arachidi, pistacchi, noci e nocciole. Anche in questo caso la raccomandazione è una sola: controllare che si tratti di prodotti freschi e possibilmente italiani.

In sintesi: per un Natale davvero sostenibile siate oculati nella spesa, scegliete solo frutta e verdura di stagione e non esagerate con le porzioni. A questo punto, non ci resta che augurarvi di trascorrere un sereno e felice Natale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *